Highland Park Whisky News

Una denuncia per Highland Park

Una battaglia in tribunale tra produttori di whisky: USA vs. Scozia.

Capita (relativamente) spesso che la Scotch Whisky Association denunci questo o quel produttore per essersi appropriato ingiustamente di marchi o termini registrati come Highlands, ma questa volta è uno Scotch a essere stato trascinato in tribunale da una distilleria americana.

La Jos. A. Magnus & Co. (produttore di whisky con sede a Washington D.C.) ha infatti denunciato la Highland Distillers Limited per il loro Highland Park Magnus.
Secondo la denuncia (depositata il 6 novembre) l’uso del termine “Magnus” sulla bottiglia distribuita negli USA violerebbe i loro diritti, dato che la vendita su suolo americano dell’imbottigliamento scozzese è iniziata circa due anni dopo la loro. Sottolineano inoltre come anche le etichette abbiano diverse somiglianze, portando quindi confusione nei consumatori con relativo danno economico per il produttore americano.

L’azienda ha riportato diversi esempi di avventori che nei bar avrebbero ordinato il Joseph Magnus e si siano visti versare erroneamente l’Highland Park Magnus, e sempre secondo la distilleria, questa confusione è voluta e cercata da parte del produttore scozzese, volta ad approfittare del “buon nome e fama” dell’etichetta statunitense.

L’Edrington Group (azienda proprietaria del marchio Highland Park) non ha rilasciato dichiarazioni in merito alla questione, ma pare che il signor Magnus sia ben deciso a portare la denuncia fino alle sue ultime conseguenze, con il ritiro e la distruzione di tutte le bottiglie e relativo merchandising dal mercato americano, compreso quello online.

E voi, da che parte state?

Le altre notizie sul blog:
La più ricca collezione di whisky al mondo
Dalmore festeggia il proprio anniversario
Lanciato il GlenDronach “tradizionalmente torbato”
Big Peat: due chiacchiere con Fred Laing
La più grande bottiglia di Single Malt al mondo
La collezione di whisky perfetta
Una rarità estratta a sorte: The Glenrothes 40yo
Tour delle distillerie scozzesi: quali scegliere?
Nuovo record in un’asta
Che whisky mettiamo sotto l’albero?
Una guida per creare i propri blended a casa
Annunciato il Big Peat più invecchiato di sempre
Un nuovo Glen Scotia
La magia della quercia
Intervista a John Glaser

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: