Blended Scotch Johnnie Walker Scozia

Johnnie Walker White Walker

Recensione dell'edizione speciale del Johnnie Walker dedicata al Trono di Spade.

Provenienza: Scozia
Tipologia: Blended Scotch Whisky
Gradazione: 41,7%
Botti di invecchiamento: N/D
Filtrato a freddo:
Colorazione aggiuntiva:
Proprietà: Diageo
Prezzo: € 24,65 su WhiskyShop
Sito web ufficiale: https://www.johnniewalker.com/en/
Valutazione: 55/100

Sulla scia delle edizioni limitate dedicate a Game of Thrones (Il trono di spade), Diageo ha pensato di coinvolgere anche il suo blended più noto con questa bottiglia “fuori serie”, cui a breve è seguita una coppia dedicata al ghiaccio e al fuoco, i due elementi cardine della serie.
Particolarità di questa bottiglia è l’etichetta che muta quando la bottiglia viene tenuta in congelatore (e infatti consigliano di berlo freddo), un orpello di puro marketing come d’altronde tutta l’operazione.
Le componenti principali sono Clynelish e Cardhu, ed è un blend di single malt e grain.

Come sempre, ecco il riepilogo di tutte le edizioni:
Cardhu Gold Reserve (dedicato alla casata Targaryen);
Clynelish Reserve (dedicato alla casata Tyrell);
Dalwhinnie Winter’s Frost (dedicato alla casata Stark);
Lagavulin 9yo (dedicato alla casata Lannister);
Mortlach 15 yo (dedicata ai sei regni);
Oban Bay Reserve (dedicato ai Guardiani della Notte);
Royal Lachnagar 12yo (dedicato alla casata Baratheon);
Singleton of Glendullan Reserve (dedicato alla casata Tully);
Talisker Select Reserve (dedicato alla casata Greyjoy).
Nominalmente non fanno parte della serie, ma sono comunque ispirati a GoT anche i seguenti:
– Johnnie Walker White Walker (dedicato agli Estranei);
Johnnie Walker Song of Fire e Johnnie Walker Song of Ice.

Tenuto in congelatore prima di berlo come consigliato, il freddo tende a smorzare gli aromi al naso, inizialmente di cereale caramellato e fieno, mi verrebbe da dire “fresco” ma sarebbe ribadire l’ovvio! Man mano che torna a temperatura ambiente, le note dolci si amplificano parecchio, con l’aggiunta di frutta tropicale (cocco e mango) pur rivelando un tocco amarognolo e plasticoso di fondo (ah, il buon JW, ora ti riconosco!).
Bevuto ancora freddo, resta piuttosto anonimo e flebile, leggerissimo, con un pizzico di cannella sui cereali, caramella al miele, tocco erbaceo di fondo. Scaldandosi, la parte sintetica emerge con decisione, quasi un distillato di plastica PET, portandosi dietro una netta sensazione di legno.
Finale breve, amaro, secco, di cartone, plastica, cereali.

Non un incidente in galleria come il Red Label ma poco ci manca, nel berlo freddo come consigliato (a ragione) si assopiscono gli elementi più sgradevoli, che però sono ben presenti e vividi.
Da usare per cocktail, sicuramente non liscio, e per stupire gli amici o rimorchiare i fan dei libri di Martin.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Johnnie Walker 12yo Black Label
Johnnie Walker 12yo Black Label Origins – Islay
Johnnie Walker 18yo
Johnnie Walker A Song of Fire
Johnnie Walker A Song of Ice
Johnnie Walker Blue Label
Johnnie Walker Double Black
Johnnie Walker Gold Label Reserve
Johnnie Walker Red Label

Le recensioni degli altri:
The Whiskey Wash (inglese)
The Whiskey Jug (inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: