Blended Scotch Johnnie Walker Scozia

Johnnie Walker A Song of Fire

Recensione del Johnnie Walker dedicato ai Targaryen de Il trono di spade.

Provenienza: Scozia
Tipologia: Blended Scotch Whisky
Gradazione: 40,8%
Botti di invecchiamento: N/D
Filtrato a freddo:
Colorazione aggiuntiva:
Proprietà: Diageo
Prezzo: € 29,90 su Vino75
Sito web ufficiale: https://www.johnniewalker.com/en/
Valutazione: 65/100

E dopo la bottiglia dedicata al ghiaccio degli Stark, ecco a ruota quella dedicata al fuoco dei Targaryen, uscita in contemporanea.
Alla base del blended si trova ovviamente un whisky torbato, Caol Ila, e come già per la versione “ghiacciata” su ogni lato della bottiglia è presente parte della stessa immagine che, se accostata alle altre, compone l’intero.

Come sempre, ecco il riepilogo di tutti gli imbottigliamenti della serie dedicata a Il Trono di Spade:
Cardhu Gold Reserve (dedicato alla casata Targaryen);
Clynelish Reserve (dedicato alla casata Tyrell);
Dalwhinnie Winter’s Frost (dedicato alla casata Stark);
Lagavulin 9yo (dedicato alla casata Lannister);
Mortlach 15 yo (dedicata ai sei regni);
Oban Bay Reserve (dedicato ai Guardiani della Notte);
Royal Lachnagar 12yo (dedicato alla casata Baratheon);
Singleton of Glendullan Reserve (dedicato alla casata Tully);
Talisker Select Reserve (dedicato alla casata Greyjoy).
Nominalmente non fanno parte della serie, ma sono comunque ispirati a GoT anche i seguenti:
Johnnie Walker White Walker (dedicato agli Estranei);
– Johnnie Walker Song of Fire e Johnnie Walker Song of Ice.

Curiosamente, l’olfatto non è tanto diverso dal fratello ghiacciato: leggero ed erbaceo con sempre un’introduzione artificiosa, se torba ce n’è non è pervenuta. Cereali, pesca, miele, vaniglia… siamo davvero in fotocopia, di fatto quasi indistinguibili. Giusto forse un pelo di pizzicore in più dall’alcol. Con tanta pazienza, emerge nel tempo un refolo di fumo.
Al palato cambia un po’ la musica, compare subito un accenno fumoso di torba che resta però timido e dimesso, assorbito dai cereali e da una certa esuberanza alcolica (pure troppa, vista la gradazione). Dominano sempre i sentori erbacei e freschi, con una goccia di limone, tocco di zenzero, vaniglia, pesca. In lunghezza, compare un sottofondo acidulo e metallico.
Finale abbastanza breve, di cereali, nocciole, limone, posacenere usato, ferro.

Nettamente inferiore al fratello e totalmente scentrato rispetto a quanto evocato in etichetta, si presenta sbilanciato e rozzo, poco accomodante per essere un blended di facile bevuta.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Johnnie Walker 12yo Black Label
Johnnie Walker 12yo Black Label Origins – Islay
Johnnie Walker 18yo
Johnnie Walker A Song of Ice
Johnnie Walker Blue Label
Johnnie Walker Double Black
Johnnie Walker Gold Label Reserve
Johnnie Walker Red Label
Johnnie Walker White Walker

Le recensioni degli altri:
The Whiskey Wash (inglese)
Drinkhacker (inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: