Cragganmore Speyside

Cragganmore 12yo

Recensione del Cragganmore 12yo, un vero whisky Speysider.

Provenienza: Speyside (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 40%
Botti di invecchiamento: Ex Sherry
Filtrato a freddo: Sì.
Colorazione aggiuntiva: Sì.
Proprietà: Diageo
Prezzo medio: € 40,00
Sito web ufficiale: https://www.malts.com/en-row/distilleries/cragganmore/
Valutazione: 88/100

Lo ammetto, io ho un debole per questo whisky.
Scoperto grazie al pensiero di una persona, che ebbe l’amorevole idea di portarne una bottiglia a una serata tra amici, è stato subito amore: l’eleganza mi ha travolto, mi ha sedotto, e non mi ha più abbandonato (almeno finché non è finita la bottiglia).
Parte dell’immenso catalogo Diageo, come già per Clynelish si tratta di una distilleria usata soprattutto per i propri blended, da qui la scarsità di imbottigliamenti ufficiali. Pochi anche quelli indipendenti, a onor del vero, ma già questo è tanta roba.

Reperirlo non è proprio semplice, nemmeno online, ma la ricerca (e qualche soldo in più) vale davvero la pena: pur essendo un malto base, possiede caratteristiche davvero uniche, ed è un peccato che sia così sottovalutato.
Non dai recensori però, che si sono mediamente profusi in complimenti per questo whisky, e siccome non se ne sentiva alcun bisogno, ho pensato di unirmi al coro.

Amo questo distillato già dall’etichetta, molto elegante, e la scelta di mantenere un color oro ben si adegua.
Al naso tanta dolcezza, nel senso buono, non stucchevole: miele, castagne, nocciola, frutta, fieno, caramello… una sinfonia di aromi che sembra infinita, armonica e suadente, avvolgente e calda. Un Arbre Magique al Cragganmore farebbe furore…
Al palato, crema pasticcera, ancora miele e fieno, tanta frutta. A tratti, sembra quasi di bersi una crostata, di quelle appena fatte da nonna che dice sempre non mangi abbastanza. Un senso generale di calore avvolgente, di morbida eleganza. Alternare naso e palato è davvero un piacere, da chiudere gli occhi e lasciarsi trascinare.
Il finale ti accompagna a lungo, coccolandoti ancora con la sua frutta dolce, qualche spezia e una nota leggerissima di fumo.

Una sola parola mi viene da usare per descrivere questo whisky: elegante.
Un’eleganza signorile, non ruffiana, discreta, che non ti regala quelle esperienze travolgenti e totalizzanti, ma ti mette in pace con i tuoi sensi, una delle rare volte in cui la gradazione addomesticata a 40 non ti fa storcere il naso.
Una di quelle bottiglie che mi riesce quasi impossibile pensare esista al mondo qualcuno a cui non possa piacere.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Cragganmore The Distillers Edition 2004

Le recensioni degli altri:
Il bevitore raffinato
Cigars lover
Connosr (inglese)
The Scotch Noob (inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: