fbpx
Glasgow 1770 Lowlands Scozia Whisky dai 50 ai 100 euro

Glasgow 1770 The Original

Recensione del whisky base della distilleria di Glasgow.

Provenienza: Lowlands (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 46%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon first fill e vergini
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Glasgow Distillery Company
Prezzo: € 51,10 su Aquavitae
Sito web ufficiale: www.glasgowdistillery.com 
Valutazione: 85/100

La prima distilleria a riportare la produzione di whisky a Glasgow nel 2014, riprende la tradizione della Glasgow Distillery Company nata a Dundashill nel 1770 e rimasta attiva fino ai primi anni del secolo scorso.
Erano più di cento anni che la città non aveva una propria distilleria, ed è stato grazie alla volontà di Liam Hughes, Mike Hayward e Ian McDougall che nel 2012 viene rilevato il marchio, con la prima produzione nel 2015.
Gli alambicchi hanno tutti un nome: Annie, Mhairi e Tara dedicati ai membri della famiglia dei tre fondatori, e Margaret e Frances dedicati a due artiste scozzesi.

Tre gli imbottigliamenti base della distilleria: questo The Original, il Peated e il Triple Distilled, affiancati da un blended, Malt Riot, oltre che da diverse edizioni speciali.
La prima edizione del The Original, primo imbottigliamento ufficiale, risale al 2018, ed è portato a termine usando Tara e Mhairi, con invecchiamento di durata non precisata in botti ex bourbon e affinamento in botti vergini.

Note di degustazione

Oro con riflessi ambrati nel bicchiere.
L’affinamento in botti vergini è molto evidente al naso, resina e legno emergono nettamente assieme alle spezie (noce moscata, cannella), accompagnati da foglie di tè, pera, mela verde, ananas, malto e una goccia di limone. Erba appena tagliata. Fresco e aromatico.
Caldo e speziato al palato, cremoso, riprende gli aromi dell’olfatto con toni più “scuri”, dove la frutta si fa più matura e zuccherina (albicocche e prugne secche, mela caramellata) assieme a cannella, liquirizia, arancia candita, zucchero di canna, cioccolato fondente, caffè. Zenzero e noce moscata a manciate con un tocco di marzapane.
Finale abbastanza lungo e speziato con zenzero, frutta secca, zucchero tostato, marmellata d’arancia.

Su un invecchiamento così breve (tre anni in origine, probabile sia rimasto simile nelle edizioni successive), le botti vergini hanno influito parecchio, dando spinta e personalità a un whisky ben strutturato e corposo, che pur nella sua giovinezza riesce a mostrare inclinazioni di complessità.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: