Ardbeg Isola di Islay Scozia

Ardbeg Wee Beastie 5yo

Recensione dell'aggiunta più recente al core range di Ardbeg.

Provenienza: Islay (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 47,4%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon ed ex sherry oloroso
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Moet Hennessy
Prezzo: € 43,60 su Whisky Italy
Sito web ufficiale: https://www.ardbeg.com/en-int
Valutazione: 83/100

Quando è stato lanciato il 19 anni Traigh Bahn (prossimamente su queste pagine), erano passati molti anni dall’aggiunta di un imbottigliamento a età dichiarata nel core range di Ardbeg, che fino ad allora era composto solo da NAS a circondare lo storico Ten.
E inaspettatamente, lo scorso marzo la distilleria ha annunciato un’altra bottiglia con gli anni bene in vista, dichiaratamente molto giovane e pungente negli aromi, da cui il nomignolo (che significa “piccola bestiaccia”) che richiama il modo in cui gli scozzesi si riferiscono spesso a insetti fastidiosi o germi.

Cito direttamente dal lancio del Distillery Manager, Mickey Heads: “Ardbeg Wee Beastie è un dram straordinario. Essendo il nostro whisky dalla maturazione più giovane, mostra chiaramente le caratteristiche speciali dei nostri alambicchi, una vera e propria bestiaccia!” Bill Lumsden, direttore della Whisky Creation di Ardbeg, ha aggiunto: “Sono certo che molti fan di Ardbeg e tutti coloro che vogliano diventarlo si innamoreranno del solletico che dona alla lingua. Le botti selezionate hanno dato vita a una bevuta da gustare liscia o come ingrediente principale di un cocktail molto affumicato.”
Tutto marketing quindi?

Oro chiaro nel bicchiere.
Fumo e oceano ci sono, ma non in modo così brusco e scontroso come l’etichetta vorrebbe dare a intendere: torba bagnata, quindi, con costolette al barbecue assieme ad arance e limoni, con una spolverata di pepe. Tocco di liquirizia dolce tipo rotelle della Haribo. Toni da Ardbeg ma tutto sommato pacati e semplici, siamo più dalle parti di una coccinella che di un tafano…
Al palato si fa più aspro negli aromi, pur scorrendo oleoso sulla lingua, facendo risaltare i copertoni bruciati cosparsi di pepe nero e chiodi di garofano, con i sentori dolci che passano in secondo piano (arancia candita, ancora liquirizia, nocciole). Molto marino, specie in lunghezza, con il sale che permea la bocca. Abbastanza statico ma gradevole, per chi ama il genere ça va sans dire.
Finale abbastanza lungo e cenerino, che nella coltre catramosa si trascina un po’ di liquirizia, pepe, arancia e tanto sale.

Tutt’altro che la scorbutica bestiolina evocata dal nome, è un’espressione basica ma piacevole di Ardbeg per chi si volesse avvicinare alle note della distilleria, fin troppo ammansito specie se si pensa al Ten e a quanto sia ben più rappresentativo a un costo simile se non inferiore. Se questa espressione è davvero qui per restare, il prezzo va ripensato, anche se temo questo potrà portare a un aumento del 10 anni (con relativa diminuzione della produzione) anche per dare più respiro alla produzione del distillato.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Ardbeg 10yo
Ardbeg An Oa
Ardbeg Blaaack (Committee Members Release)
Ardbeg Corryvreckan
Ardbeg Dark Cove
Ardbeg Drum (Committee Members Release)
Ardbeg Grooves
Ardbeg Kelpie
Ardbeg Supernova SN2019
Ardbeg Traigh Bhan 19yo 2019
Ardbeg Uigeadail

Le recensioni degli altri:
Il bevitore raffinato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: