fbpx
Isola di Islay Kilchoman Scozia

Kilchoman Beija Flor 11yo

Recensione del Kilchoman 11yo in esclusiva per l'Italia e Beija Flor.

Provenienza: Islay (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 55,2%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Kilchoman
Prezzo: € 124,00 su Cadenhead’s Whisky Shop
Sito web ufficiale: kilchomandistillery.com
Valutazione: 90/100

Inutile aggiungere altre parole su Kilchoman, ne abbiamo parlato diffusamente nelle recensioni precedenti cui vi rimandiamo.
Beija Flor altri non è che il (meritevole) importatore italiano della distilleria, che oltre a Kilchoman conta nel proprio portafoglio altre etichette di rilievo come Kilkerran, Springbank, Tomatin, Arran e, più di recente, Bimber e The Lakes Distillery, oltre a diversi gin, vini francesi e molto altro.

L’imbottigliamento in oggetto è un’esclusiva per l’Italia, un single cask ex bourbon distillato il 27 marzo del 2008 e messo in bottiglia il 04 ottobre del 2019.
Torbato a 50ppm e a gradazione naturale: sarà una delizia come sembra?
SPOILER: orpo, sì!

Oro chiaro nel bicchiere, quasi da vino bianco.
La torba accarezza il naso, molto marittima e gentile, assieme a chiodi di garofano e una soffusa vaniglia di fondo. Il whisky merita di riposare nel bicchiere lasciando che si apra completamente, rivelando cocco e cioccolato al latte che in seguito dischiudono un lato più carnoso: un po’ come annusare un Bounty e poi avvolgerlo nel bacon, che magari così suona malissimo, ma all’olfatto giuro che è piacevole.
In bocca il sorso è molto pieno e oleoso, con l’alcol che si fa notare dando una spinta decisa alla torba, ancor più fumosa e carnosa, mescolata ad arancia bionda, vaniglia, legna bruciata e un bel profilo salmastro. Di fondo, un pizzico di rabarbaro, che instilla quel po’ di amaro che bilancia l’aspetto più dolce del distillato. Notevole questo equilibrio, variegato e divertente.
Il finale è abbastanza lungo, con la cenere a cavallo tra salino e amaro con arancia nel mezzo.

Un’esperienza appagante e piena, con tanta personalità e senza un momento di noia, di sicuro il miglior Kilchoman che abbia bevuto finora e che vale tutto il suo prezzo (e pure qualcosa di più).

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Kilchoman 100% Islay 9th Edition
Kilchoman 100% Islay 10th Edition
Kilchoman 2012 Madeira Finish
Kilchoman 2018 Sauternes Cask Finish
Kilchoman Loch Gorm 2020
Kilchoman Machir Bay
Kilchoman Machir Bay Christmas Edition 2020
Kilchoman Sanaig
Kilchoman STR Cask Matured 2019

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: