fbpx
Hicks & Healeys Inghilterra

Hicks & Healeys 8yo

Recensione del whiskey realizzato dai distillatori di sidro della Cornovaglia.

Provenienza: Cornovaglia (Inghilterra)
Tipologia: Single Malt Cornish Whiskey
Gradazione: 42,5%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon
Filtrato a freddo: 
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Healeys Cornish Cyder Farm
Prezzo indicativo: € 80,00
Sito web ufficiale: healeyscyder.co.uk
Valutazione: 79/100

La storia di questo whiskey inglese parte da lontano, precisamente dal 1986 quando la famiglia Haley decide di riportare la distillazione in Cornovaglia dopo quasi 300 anni, piantando i primi alberi di mele per la produzione di sidro.
Da Kay e David Healey ai figli Sam e Joe, far rivivere una fattoria di oltre un secolo prima si è rivelata un’idea vincente, perché li ha portati a diventare uno dei maggiori produttori indipendenti di sidro d’Inghilterra, e a espandere l’offerta con una linea di gin, vini e distillati con brandy e, ovviamente, whiskey.

Realizzato in collaborazione con la St. Austell Brewery usando una qualità di orzo locale (il Maris Otter), questo whiskey è stato inizialmente rilasciato in un’edizione limitata a grado pieno, con il primo invecchiamento ufficiale di 7 anni distribuito nel 2011 e questo 8 anni nel 2016.
Le notizie sulla bottiglia di oggi sono scarse, ma a giudicare da quanto (non) indicato in etichetta, viene da presumere che il whiskey sia filtrato a freddo e, visto il colore, che non abbia colorante aggiunto.

Giallo paglierino nel bicchiere.
Trovare una mela abbondante può sembrare quasi ovvio, ma in generale il profilo olfattivo è molto fresco e giovanile, floreale (caprifoglio), fruttato (pesca e ananas) con vaniglia, cereali bagnati, miele, un tocco di lime. Leggera inflessione di legno fresco. Semplice e lineare, piacevole.
Leggermente pepato all’imbocco, si presenta dolcino ma non troppo nelle tonalità di vaniglia, zucchero filato, crema al limone, malto, pan di zenzero. E le mele??? Ci sono, ci sono, assieme a banana acerba, pesca, nocciola e legno.
Finale mediamente lungo e secco, leggermente speziato, di vaniglia, cereali, nocciole, mele.

Facilmente beverino, senza pregi né difetti, in pratica quello che ti aspetti da un whiskey giovane che non lascia troppi segni: anonimo, ma di sicuro non sgradevole.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: