Scozia Spey Speyside

Spey Fūmāre Batch 1

Recensione del NAS torbato a edizione limitata di Spey.

Provenienza: Spesyside (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 59,3%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: The Speyside Distillery
Prezzo: € 60,00 su Whisky Italy
Sito web ufficiale: https://speysidedistillery.co.uk/
Valutazione: 88/100

Il nome deriva dal latino (ed è intuibile a cosa si riferisca), in omaggio a Lord Byron e al suo amore per questa lingua antica (e al fatto che, si dice, abbia regalato proprio lo Spey a re Giorgio III nell’occasione del suo matrimonio). Certo che le motivazioni dietro a nomi impronunciabili si fanno sempre più intricate…
Si tratta di un’edizione limitata di 1.500 bottiglie, cask strength, del 2016 senza dichiarazione d’età e uscita assieme al Trutina, esprimendo la prima versione torbata del loro whisky, in seguito raggiunta da altri imbottigliamenti.

Il secondo batch è stato imbottigliato a una gradazione del 60,4%, ed entrambi sono ancora reperibili sul mercato.
Ringrazio come sempre Fabio Ermoli di Lost Dram per il gentile campione.

Giallo paglierino, chiarissimo, nel bicchiere.
La torba è subito evidente al naso, acre e speziata, con incursioni di succo d’arancia e note marine molto stuzzicanti, cui fanno da accompagnamento albicocche, noci, caramello salato, vaniglia. C’è una patina da terra bagnata che scivola sullo sfondo, con impressioni quasi balsamiche. Cuoio. Intrigante, invita all’assaggio.
Torba e sale si ergono a dominare il palato, con quella giusta spinta pepata a sostenerle, senza però compromettere l’equilibrio degli aromi in cui trovano posto tanto l’animo più dolce di caramello, zucchero di canna tostato, arancia, albicocche e un tocco di mela cotta, e quello più screziato di liquirizia, cioccolato fondente, chiodi di garofano, tabacco. Permane quel tocco balsamico ed erbaceo di sottofondo, a completare un profilo complesso e sfaccettato, niente affatto scontato, che spinge all’assaggio continuo anche grazie a una gradazione davvero perfetta.
Finale lungo e speziato, di sale, impressioni di mare, legno tostato, frutta secca, liquirizia, cioccolato.

Per essere il loro primo whisky torbato, tanto di cappello: equilibrato, con personalità, senza sbavature e con una ricchezza invidiabile. Dove altri avrebbero pigiato il pedale del fumo, qui si sanno mantenere i sapori in un insieme che funziona e convince.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Spey 12yo Peated

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: