Mackmyra Svezia

Mackmyra Grönt Te

Recensione del whisky svedese invecchiato in botti ex sherry trattate con foglie da tè giapponese.

Provenienza: Svezia
Tipologia: Single Malt Swedish Whisky
Gradazione: 46,1%
Botti di invecchiamento: Ex sherry oloroso
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Mackmyra Svensk Whisky AB
Prezzo indicativo: € 65,00
Sito web ufficiale: https://mackmyra.com/
Valutazione: 83/100

Fondata nel 1999 nel paese da cui prende il nome, la distilleria Mackmyra si è costruita da allora una solida base di appassionati, grazie anche alla geniale intraprendenza del proprio Mastro Distillatore, quella Angela D’Orazio di cui vi abbiamo presentato un’intervista tempo fa.
Nata dall’idea di otto amici durante una vacanza sugli sci, nel giro di pochi anni trovano la quadra scegliendo due ricette base per i propri whisky nel 2002, con il lancio del primo imbottigliamento, Preludium 01, che va esaurito in brevissimo tempo dall’uscita nel 2006.
Prodotto con materie prime locali (a eccezione del lievito, comunque di origine svedese), il loro whisky viene realizzato nelle due distillerie al momento operative, e nel 2019 hanno festeggiato venti anni di attività: vi rimando a questo interessantissimo opuscolo per una storia dettagliata di questo vanto europeo.

Questo Grönt Te (letteralmente, tè verde) è decisamente figlio delle passioni della D’Orazio, che ha portato il suo amore per il tè orientale nelle botti di sherry in cui ha fatto invecchiare il distillato.
Varie tipologie di tè verde giapponese hanno infatti aromatizzato le botti (Yame Sencha, Yame Gyokuro, Kaoribo Hojicha e Yame Matcha Shinobi) in un’unione di sapori inedita e particolare: è la stessa D’Orazio ad ammettere che difficilmente il bevitore non appassionato di infusi possa discernere i vari tipi di foglie utilizzate, ma è sicuramente un esperimento intrigante.

Oro chiaro nel bicchiere.
Il naso è avvolto dallo strudel di mele alla cannella, con una netta componente erbacea di fondo, fresca e aromatica: potrei dire che la sensazione sia quella di aprire una confezione di tè, ma sarebbe ovvio. Comunque… foglie di tè! Vaniglia, speziatura del legno, radice di liquirizia, tocco di lavanda. Molto piacevole e rinfrescante.
La sensazione erbacea prosegue anche al palato, con ancora a dominare le mele assieme a cannella, zucchero di canna, liquirizia, vaniglia, pepe. L’influenza dello sherry appare più doma di quanto in genere ci si aspetti, lasciando spazio alle foglie di tè che hanno evidentemente dato un contributo non indifferente al whisky. Sottofondo di legno appena tagliato.
Finale abbastanza lungo di mele, pepe, vaniglia, legno.

Uno sherried insolitamente fresco, difficile stabilire quanto la consapevolezza della presenza delle foglie di tè influenzi il senso degli aromi, ma il risultato è sicuramente originale e intrigante, quand’anche non particolarmente incisivo.

Gli altri imbottigliamenti del blog:
Mackmyra Svensk Ek

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: