Highlands Scozia Tomatin

Tomatin 18yo

Recensione del 18 anni di Tomatin finito in sherry oloroso.

Provenienza: Highlands (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 46%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon refill ed ex sherry oloroso first fill
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Takara Shuzo Corp.
Prezzo: € 74,00 su Whisky Italy
Sito web ufficiale: http://www.tomatin.com/home-1
Valutazione: 89/100

I diciotto anni evocano l’idea di maturità, di passaggio alla vita adulta, in cui (teoricamente) ci si debba accollare tutta una serie di diritti/doveri dicendo addio alla spensieratezza dell’adolescenza.
Nei whisky, dove il concetto di età è del tutto relativo, non è sempre così, sebbene psicologicamente sia una soglia di invecchiamento che fa una certa presa sul consumatore, come se fosse uno spartiacque tra whisky giovani e maturi.

Il bevitore men che occasionale sa bene come l’invecchiamento avanzato non sia in alcun modo garanzia di qualità, come sa anche che una bottiglia senza invecchiamento dichiarato (i cosiddetti NAS) possa essere una vera gemma.
Qui affronto il diciottenne di Tomatin, nel nuovo design introdotto nel 2016, ultimo con invecchiamento dichiarato a mia disposizione, cui seguiranno i NAS del portafoglio base (Cask Strength, Fire e Legacy).

Oro carico nel bicchiere.
All’olfatto si presenta dolce e fresco, con un leggero profilo erbaceo che fa da contrappunto a una profusione di frutta matura (ananas, pesca, pera, prugna), uvetta infusa nell’alcol, Galatina, cannella. In sottofondo, una carezza legnosa (occhio alle schegge). Amabile ma non ruffiano.
Il palato si profila interessante, ponendo accanto alla dolcezza della frutta una punta amarognola, di liquirizia e anice, che assieme a cioccolato, nocciole e, ça va sans dire, cannella, aggiunge spessore alla bevuta. Il legno si fa più presente, alle soglie dell’invasività ma riuscendo a tenersi giusto un passo indietro, asciugando la lingua. Permane, pur ampiamente in sottofondo, una certa freschezza floreale.
Finale medio-lungo, di legno, anice, nocciole, uvetta.

Il lato amarognolo ammetto essere un po’ spiazzante, e ad alcuni potrebbe far storcere il naso, mentre per me è ciò che ha dato a questo whisky una marcia in più, rendendolo vario e divertente: i finali in sherry tendono ad assomigliarsi un po’ tutti, mentre qui il legno ha contribuito a dare tridimensionalità.
Siamo proprio al limite, una spinta in più e sarebbe crollato tutto (quindi, più che mai, andiamo sul sentire personale), ma per me è promosso.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Tomatin 12yo
Tomatin 14yo
Tomatin Cask Strength
Tomatin Fire

Le recensioni degli altri:
Il bevitore raffinato (versione precedente)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: