GlenAllachie Scozia Speyside

GlenAllachie 12yo

Recensione del GlenAllachie 12yo, il malto base di una rinata distilleria dello Speyside.

Provenienza: Speyside (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 46,0%
Botti di invecchiamento: Ex sherry oloroso, ex sherry PX e vergini americane
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: The GlenAllachie Distillers Co Limited
Prezzo: € 49,00 su WhiskyItaly
Sito web ufficiale: https://theglenallachie.com/
Valutazione: 80/100

Introduciamo un’altra distilleria nel blog, una che personalmente era da un po’ che avevo adocchiato ed ero proprio curioso di provare.
GlenAllachie (“valle delle rocce”) è una distilleria giovane ma già con una storia piuttosto travagliata: fondata nel 1967 ad Aberlour da MacKinley McPherson, appena 18 anni dopo venne acquisita dalla Invergordon che ne chiuse i battenti.
Nel 1989 riprese la produzione (ininterrotta fino a oggi) nelle mani della Campbell Distillers (poi Pernod Ricard), che ne utilizzava il whisky per produrre il noto blend Clan Campbell, e sotto l’egida della Chivas Brothers venne distribuito nel 2005 un single malt di 15 anni, ovvero risalente alla riapertura del 1989.

L’attuale proprietà composta da Billy Walker (Master Distiller di GlenAllachie), Trisha Savage e Graham Stevenson ha acquisito la distilleria nel 2017, dando inizio al rilancio del marchio: è del 2018 il rilascio del nuovo core range con invecchiamenti di 10, 12, 18 e 25 anni, nonché un blend, il MacNair’s Lum Reek, frutto del matrimonio di whisky di Islay e dello Speyside uniti a malti in house dall’invecchiamento maggiore.
Ad agosto del 2019 si è aggiunto un altro invecchiamento al portafoglio base, il 15 anni.

Nel bicchiere scorre un piacevole caramello nature.
L’aroma al naso è nettamente sherried, uvetta infusa nell’alcol con cannella, mela matura, caramello, arancia candita, caramelle gommose alla frutta, marshmallow. Sembra di entrare in un negozio di dolcetti. Sottofondo di malto e qualche sprazzo erbaceo, con una leggerissima acidità.
All’imbocco, arriva una nota amarotica un po’ spiazzante che rimane per tutta la bevuta. Banana acerba, mela cotta, uvetta, cannella e un pizzico di anice. Cereali. Un tocco di legnosità e limone sulla lunghezza. Una dolcezza più asprigna che all’olfatto.
Il finale è medio-lungo, che lascia ancora un’asprezza di fondo assieme a cannella e mela cotta.

Non so bene come interpretare questo whisky, i sapori mi appaiono disordinati e incostanti ma con una certa personalità, quasi fosse un work in progress più che una bevuta definita.
A questo punto sarei curioso di provare invecchiamenti più importanti per capire meglio la loro strada.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Dream N°3
GlenAllachie 10yo Cask Strength Batch 3
<a href="http://%3C%21–%20wp:paragraph%20–%3E%20%3Cp%3E%3Cstrong%3Egli%20altri%20imbottigliamenti%20nel%20blog:GlenAllachie 13yo 2006
GlenAllachie 25yo

Le recensioni degli altri:
Whisky Facile
Distiller (inglese)
Whisky Gospel (inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: