Whisky News

Bere whisky cura dal Coronavirus? (spoiler: no)

Quando si direbbe qualunque cosa pur di fare notizia.

In questi tempi in cui il Coronavirus è su tutte le prime pagine di quotidiani cartacei e online, è recente la notizia (diffusa tra i primi dal Sun e dal DailyMail, e qui abbiamo detto tutto) di un medico gallese residente a Wuhan che avrebbe sconfitto il micidiale virus… bevendo whisky.

Connor Reed, insegnante di inglese venticinquenne, ha dichiarato di aver forse contratto la malattia dal proprio gatto, morto a causa della stessa (ma su questa circostanza ammette di non esserne proprio certo). Ricoverato in ospedale, ha rifiutato qualunque tipo di cura e se n’è tornato a casa, ricorrendo ai buoni vecchi rimedi di una volta: whisky caldo e miele.
Ed è guarito!

Non è chiaro se avrebbe funzionato anche una versione omeopatica di questa miracolosa cura, aggiungendo due gocce di whisky a una bottiglia piena d’acqua, né è nota quale sia l’etichetta scelta per la guarigione, quindi ci spiace non potervi consigliare questo rimedio nel caso contraiate la malattia.

Le ultime notizie sul blog:
Datazione al carbonio per i whisky!
Waterford: dove l’orzo regna supremo
Un Port Askaig non torbato
Blackadder: intervista esclusiva con Hannah Tucek
Scotch whisky cask strength: i single malt direttamente dalla botte
Un altro whisky giapponese che sparirà dagli scaffali
Johnnie Walker festeggia il capodanno cinese
La riapertura di Port Ellen è sempre più vicina
Il colore del whisky

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: