Islay Laphroaig

Laphroaig The 1815 Legacy Edition

Recensione dell'edizione celebrativa Laphroaig The 1815.

Provenienza: Islay (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 48%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon first fill, vergini europee
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva:
Proprietà: Suntory
Prezzo medio: € 105,00
Sito web ufficiale: https://www.laphroaig.com
Valutazione: 75/100

Era da molto che Laphroaig mancava da queste pagine, essendo stato uno dei primi whisky recensiti dal sottoscritto in due delle espressioni base.
E questa volta trattiamo un’edizione speciale, distribuita ad aprile del 2017 per onorare i due secoli di attività della distilleria e tutti i Master Distiller che hanno contribuito a crearne la tradizione, fino all’attuale Distillery Manager John Campbell.

Inizialmente disponibile solo nel circuito Global Travel Retail, questo imbottigliamento presenta una novità per la distilleria, ovvero l’affinamento in botti vergini di quercia europea (le cosiddette Hogshead, botti più piccole di quelle normalmente usate, da 300 litri), mentre le botti ex bourbon sono state “pesantemente ricarbonizzate”, come afferma l’azienda stessa.

Inspiegabilmente, per il whisky è stato usato del colorante, per fargli raggiungere l’invero gradevole apparenza ambrata. Peccato.
Al naso accoglie subito la torba, molto piena e rotonda, più marina che medicinale, che presto si fa da parte per lasciare spazio a una gradevole dolcezza: uvetta, mele mature, marzapane, un tocco di cioccolato. Sul fondo, un leggero strato di cenere e chiodi di garofano.
L’imbocco è molto oleoso, con la fumosità che avvolge subito il palato con tonalità da barbecue su cui hanno grigliato anche della frutta matura (tutto è più buono alla griglia, un po’ come il fritto). La torba è nettamente dominante, salina e incenerita, ribaltando gli equilibri dell’olfatto con mio personale disappunto: tutti gli aromi dolci e fruttati sembrano essersi appannati, appiattiti in un profilo un po’ noioso e monocorde. Torna una leggera nota speziata accompagnata dal legno, che alla lunga è l’elemento che più si fa sentire, quasi fosse l’unico apporto concreto degli Hogshead europei.
Il finale è medio, con legno, cenere e frutta, molto secco.

Per essere una bottiglia celebrativa han proprio fatto un bel lavoro (spoiler: sarcasmo): bevuta non sgradevole ma noiosa, e considerato quel che costa del tutto evitabile.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Laphroaig 10yo
Laphroaig Lore
Laphroaig Quarter Cask

Le recensioni degli altri:
Malt and Oak (inglese)
Whisky Gospel (inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: