Altre isole Skye

Talisker 10yo

Recensione del Talisker 10yo, dalla distilleria principe dell'isola di Skye.

Provenienza: Skye (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 45,8%
Botti di invecchiamento: Ex Bourbon
Filtrato a freddo: Sì.
Colorazione aggiuntiva: Sì.
Proprietà: Diageo.
Prezzo medio: € 35,00
Sito web ufficiale: https://www.malts.com/en-row/distilleries/talisker/
Valutazione: 8 1/2

Nuovamente su un’isola, ma questa volta la deliziosa isola di Skye, raggiungibile facilmente grazie a un ponte che la collega alla Scozia.
Sebbene come superficie sia superiore ad Islay, su quest’isola di distillerie a lungo se n’è trovata una sola, Talisker, ed è stato solo nel 2017 che un’altra è arrivata a farle compagnia, Torabhaig. Dato che, per ora, bottiglie di quest’ultima non ne sono state ovviamente rilasciate, Talisker può ancora detenere il primato dell’unico whisky proveniente dalla zona.
Pensare che un tempo di distillerie (più o meno legali) ce n’erano sette…

Il 10 anni è la versione base della distilleria, quella più nota, la cui produzione è stata drasticamente ridotta: a causa della crescente richiesta di distillati, gli invecchiamenti diventano sempre più brevi, e come core range a questo è stato preferito un NAS, lo Skye, dalla produzione più rapida e, quindi, più remunerativa. Diageo, il colosso che detiene questa come altre distillerie, punta soprattutto sul proprio blended più noto, il Johnnie Walker, e buona parte della produzione di whisky dei loro marchi finisce nelle sue varie espressioni: piaccia o meno, è il prezzo del nuovo boom del mercato degli scorsi anni.

Segnalare il color oro carico appare poco significativo dato l’uso di colorante, sempre a voler dare l’idea di un whisky vecchio e, quindi, invitante.
Il profumo è da subito costiero, fortemente marino, unito a pepe, cannella e arancia. Un accenno di fumo unisce il tutto, assieme a un leggero pizzicore alcolico.
In bocca il fumo si fa più presente, ma sempre etereo, elegante, quasi più un’impressione di torba bruciata, che si accompagna a sentori di tabacco e nuovamente cannella e spezie (pepe, ancor più che al naso). E l’oceano si fa più presente, con un’onda dolce e salata piena e appagante. Decisamente non siamo su Islay, a cercare la torbatura bruciata qui si resterebbe delusissimi, ma quel tanto che c’è è armonico, strutturato, solido. Per un imbottigliamento base la complessità è davvero notevole.
Il marcato profilo speziato accompagna per breve tempo dopo la bevuta, assieme alla fumosità marina, più accentuata che al palato.

Un’eccellente bottiglia dal profilo marcatamente oceanico, elegante e fiera, un vero peccato ne sia stata ridotta la produzione, ma le scorte abbondano e sarà difficile restarne senza.

Le recensioni degli altri:
Il bevitore raffinato
Whiskyfacile
The Scotch Noob (inglese)
The Whiskey Wash (inglese)

Annunci

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.