Islay Lagavulin

Lagavulin 16yo

Recensione dello Lagavulin 16yo, il più noto whisky di Islay.
Lagavulin 16

Provenienza: Islay (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 43%
Botti di invecchiamento: Ex Bourbon.
Filtrato a freddo: Sì.
Colorazione aggiuntiva: Sì.
Proprietà: Diageo.
Prezzo medio: € 46,00 in molti supermercati
Sito web ufficiale: https://www.malts.com/en-row/distilleries/lagavulin/
Recensione: 9

È forse uno dei whisky più noti tra coloro che siano bevitori più che occasionali, ed essendo stato anche il primo dei whisky da me provati, non poteva che essere la bottiglia che inaugura questo mio blog.
La sua notorietà è anche merito della facile reperibilità (lo trovate in quasi tutti i supermercati, non solo nelle grandi catene) e a un prezzo più che abbordabile.

Innanzitutto… come si pronuncia Lagavulin? Perché in giro avrete di certo sentito di tutto: Lagavòlin, Lagavulìn o a volte anche Laga (per quelli che vogliono dimostrare una certa confidenza quasi intima con la distilleria). Ebbene, la pronuncia corretta sarebbe Laggavoolin, che vi assicuro essere una delle più semplici da provare, specie rispetto a certi imbottigliamenti della Bunnahabhain (che già di suo è uno scioglilingua).
Una volta imparato a pronunciarlo, direi che si può anche berlo…

Versato nel bicchiere, la sua oleosità è già evidente dalle onde che lascia sul vetro, che assieme al colore scuro (complice il colorante al caramello, che le distillerie giurano sulla propria mamma essere del tutto insapore) non può che renderlo molto invitante.
Lasciato ad arieggiare il tempo dovuto (i 43 gradi di certo non richiedono grande evaporazione, e tanto meno l’aggiunta di acqua), l’olfatto si lascia accarezzare dall’aroma della torba, molto intensa e speziata, unita a note marine e a una certa dolcezza di fondo. Anche un naso poco allenato può coglierne l’eleganza, che per un prodotto di grande distribuzione è un piccolo miracolo, rendendo piacevole soffermarsi sugli aromi per coglierne l’evoluzione, cercando di percepire ogni piccola sfumatura.
Il palato rincorre in pieno i profumi del distillato: fumosità e torba vanno a braccetto assieme alle note marine, inseguite dalla dolcezza e da qualche nota di legno e cuoio. Sembra avere quasi una consistenza, l’oleosità vista nel bicchiere pare percepibile anche in bocca.
E questi sapori restano in bocca a lungo, lasciando una torba salina persistente e piacevolissima.

Ovviamente nulla posso aggiungere a uno dei whisky più recensiti in assoluto, se non che è perfetto per iniziare un percorso di avvicinamento a questo distillato, quando si cerca di comprendere quali siano le note che più si adattano ai propri gusti: se questo whisky vi appagherà, allora i torbati (e i distillati marini) fanno per voi!

Le recensioni degli altri:
Il Bevitore Raffinato
Whisky Facile
Distiller (inglese)
Scotch Noob (inglese)

Annunci

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.