fbpx
Chorlton Whisky Highlands Imbottigliatori indipendenti Loch Lomond Scozia Whisky dai 200 euro in su Whisky dai 50 ai 100 euro

Chorlton Whisky Inchmurrin 24yo

Recensione di una singola botte proveniente da Loch Lomond

Provenienza: Highlands (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 47,7%
Botte di invecchiamento: Ex bourbon hogshead
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Chorlton Whisky
Prezzo: 215,00 su Morisco Spirits
Sito web ufficiale: chorltonwhisky.co.uk
Valutazione: 91/100

Torniamo alla Nouvelle Vague secondo l’imbottigliatore di Manchester con una botte singola ex bourbon proveniente da Loch Lomond in una delle sue diverse incarnazioni, che prende il nome dalla più grande isola del lago, Inchmurrin.
147 bottiglie a partire da un distillato del febbraio 1997 in quello che è il rappresentante dello stile leggermente torbato della distilleria.
Il campione nel mio bicchiere proviene da un generoso splitting di bottiglie condiviso con i membri del gruppo Facebook dedicato ai fans di Chorlton Whisky, su iniziativa di Corrado De Rosa: se anche voi amate questo imbottigliatore, vi consiglio di iscrivervi.

Note di degustazione

Al naso gli aromi sono molto intensi e compatti, sospesi tra l’umidiccio e il fruttato, dove il legno è quello di una credenza abbandonata nel bosco. L’abbondante frutta tropicale si impasta con erbe aromatiche ed evocazioni balsamiche, gocce di propoli e cera colano nelle narici con manciate di terriccio lanciate tra una sniffata e l’altra. Una venatura minerale abbraccia la controparte grassa e oleosa, in una plastica rappresentazione dello yin e yang. Non smette di evocare nuove sensazioni (pastiglie alla liquirizia, succo di mela, vaga nota agrumata, toni erbacei…), sembra di essere Indiana Jones circondato dagli spiriti dell’Arca dell’Alleanza: tieni gli occhi ben chiusi e lasciati percorrere dalle furie aromatiche che turbinano attorno. Ricchissimo e sfaccettato.
In bocca è bello corposo e cicciotto, una lievissima nota fumosa soffia sull’abbondanza di frutta e terra, le evocazioni umidicce e boschive si fanno più intense e balsamiche, con tocchi mentolati, facendo risaltare tabacco e mineralità spinta. Liquirizia, lama di coltello, mela verde, ananas, pompelmo, erbe medicinali… compattissima coerenza col naso, stesso tourbillon di sensazioni che richiedono tempo e pazienza per farsi districare.
Finale lungo, molto minerale, in cui la vena amarotica si accoppia con quella fruttata su un letto erbaceo e lontanamente fumoso.

Complesso, ingaggiante, divertente, ricco… non bastano gli aggettivi per questo whisky, davvero sorprendente e sfaccettato, una vera sfida a individuarne ogni nuance, quasi estenuante nella bevuta come una notte di sfrenata passione.

Recensioni di whisky da Loch Lomond

Recensioni di whisky da Chorlton Whisky nel blog

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: