fbpx
Italia Poli Whisky dai 50 ai 100 euro

Segretario di Stato (Batch 1)

Recensione del primo whisky della distilleria veneta

Provenienza: Veneto (Italia)
Tipologia: Italian Pure Malt Whisky
Gradazione: 43%
Botti di invecchiamento: Ex vino
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Poli
Prezzo: € 59,00 su Aquavitae
Sito web ufficiale: www.poligrappa.com
Valutazione: 83/100

Della famiglia Poli e della loro ultracentenaria esperienza nel mondo dei distillati e della grappa in particolare abbiamo parlato in questo articolo, frutto di una visita alla distilleria di Schiavon (in provincia di Vicenza) in cui Jacopo Poli ci ha illustrato il primo approdo della loro avventura nel mondo del whisky.
Ma perché Segretario di Stato?
L’idea di creare un whisky girava nella testa di Jacopo Poli da diverso tempo, dopo essere rimasto affascinato da quanto visto nei tanti viaggi in Scozia, e l’opportunità concreta ha preso forma in occasione di un evento molto importante per Schiavon: una nota personalità del luogo è stata insignita del titolo, appunto, di Segretario di Stato.
Per delicatezza e rispetto nei confronti della persona e del suo titolo, questa non verrà mai nominata, ma non è difficile scoprire, con qualche ricerca, di chi si tratti.

Distillato di malto al 40% torbato e al 60% non, in alambicco a bagnomaria a ciclo discontinuo, nella prima versione uscita sul finire del 2021 che ha passato cinque anni in botti di rovere europeo cui è seguito un lungo affinamento in botti ex amarone di primo riempimento, per un totale di quasi sette anni di invecchiamento. Edizione limitata a 1898 bottiglie (un numero non casuale) presentata in un’elegante cassetta di legno.
Seguiranno altre versioni, del tutto simili nella maturazione ma con un tempo ridotto d’affinamento e facendo uso anche di botti di secondo riempimento.

Note di degustazione

La massiccia presenza del vino nell’invecchiamento è ben evidente al naso, dove la noce moscata scivola sulla componente acidula di frutti rossi (fragolina di bosco, lamponi), accompagnata da note di mango, cereali, carrube, agrumi, miele millefiori, radice di liquirizia e gomma. Sul fondo compare un filo di fumo, leggero, di frutta secca tostata. Col tempo, si fa più morbido e cioccolatoso.
In bocca il fumo prende il timone, conducendo i sapori al palato per lasciarli presto esprimere la propria natura, tornando a sprigionare essenze vinose in un corpo leggero ma non effimero, con una punta di pepe e zenzero. Ancora frutti rossi, susine, frutta secca, ciliegie in spirito, tocchi agrumati. Sulla distanza, il fumo torna a dominare con tonalità cenerine.
Finale abbastanza lungo e fumoso, di frutti rossi, arachidi tostate, cacao.

Molto interessante al naso, più lineare e prevedibile al palato, la gioventù sicuramente gioca un ruolo importante così come il lungo affinamento in botti parecchio cariche, ma il distillato alla base rivela spalle molto larghe, cui forse una gradazione maggiore avrebbe consentito di emergere di più. Come esordio da completi novizi del whisky resta comunque notevole.

Un’altra prospettiva:
Whisky Facile

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: