fbpx
Glenrothes Scozia Speyside Whisky dai 50 ai 100 euro

The Glenrothes 2004

Recensione di un distillato del 2004 invecchiato 12 anni in botti americane allo sherry.

Provenienza: Speyside (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 43%
Botti di invecchiamento: Ex sherry
Filtrato a freddo:
Colorazione aggiuntiva:
Proprietà: The Edrington Group
Prezzo: € 53,90 su Spirito24
Sito web ufficiale: www.theglenrothes.com
Valutazione: 81/100

Siamo nel 2017 quando Glenrothes lancia sul mercato questo vintage (whisky di cui è dichiarato l’anno di distillazione), a tre anni di distanza dal precedente (vintage 2001), che contiene un distillato del 22 marzo 2004, finito in bottiglia il 20 gennaio del 2017.
Dodici anni di invecchiamento, gli stessi dell’imbottigliamento base allora come oggi, passati in botti di quercia americana “seasoned” in sherry, ovvero riempite per un tempo relativamente breve di sherry al solo scopo di far assorbire i sentori del vino fortificato prima di riversarvi il new make.
Nel lancio di questa bottiglia, la distilleria ci ha tenuto a precisare che “nello stesso anno è stato lanciato Facebook, si è conclusa la sitcom di lunga durata Friends e Martha Stewart ha sostituito il suo grembiule con una tuta arancione.”

Note di degustazione

Ingresso vinoso e speziato (noce moscata, cannella) al naso, di uva spina, fragolina di bosco, ciliegie, mela cotta, succo d’arancia, miele, goccia di limone. In sottofondo, vaniglia e cuoio con un accenno di legno tostato. Piuttosto classico e innocuo.
In bocca è di corpo leggero con una speziatura appena più marcata (pizzico di pepe), riproponendo le tonalità sherried di frutti rossi accompagnate da liquirizia, agrumi, vaniglia e cuoio. Una venatura erbacea punteggia la bevuta, a tratti balsamica, con un’impressione di caffè e cioccolato che emerge in lunghezza.
Finale mediamente lungo e tannico, con tocchi speziati su frutti rossi, liquirizia, mela cotta, afflati erbacei.

Un whisky che parte piuttosto banalotto e scontato ma si riscatta in lunghezza, richiede tempo per far emergere un pizzico di personalità e ampiezza di sapori pur restando sommariamente semplice e diretto. Forse qualche grado in più gli avrebbe donato maggior spessore, così invece dà l’impressione di poter puntare alto scegliendo però di volare a mezz’aria.

Recensioni di whisky di Glenrothes nel blog

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: