fbpx
Blended scozzesi Hunter Laing & Co,. Imbottigliatori indipendenti Isola di Islay Scozia Whisky da 0 a 50 euro

Islay Journey

Recensione di un blended malt di Islay

Provenienza: Islay (Scozia)
Tipologia: Blended Malt Scotch Whisky
Gradazione: 46%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Hunter Laing & Company
Prezzo: € 44,00 su Aquavitae
Sito web ufficiale: hunterlaing.com
Valutazione: 83/100

La storia della famiglia Laing è una di quelle con radici profonde in Scozia, dove l’amore per il whisky si tramanda di padre in figlio e diventa quasi una ragione di vita, tanto che dover rimanere tutti sotto lo stesso tetto inizia presto a essere un problema.
Hunter Laing nasce nel 2013, quando Stewart decide di separarsi dal fratello Fred e lasciare l’azienda di famiglia, Douglas Laing, per fondare la propria assieme ai figli Andrew e Scott, portando con sé alcune delle etichette prodotte fino ad allora.
Imbottigliatori da sempre, diversificano le proprie linee producendo non solo single cask ma anche un single malt di Islay dalla provenienza non dichiarata (Scarabus) e fondando qualche anno dopo la propria distilleria, sempre sull’isola: Ardnahoe.
Nel 2018 lanciano The Journey Series, che ispirandosi ai viaggi di Stewart vuole rappresentare i vari aspetti del whisky scozzese, un po’ come i Remarkable Regional Malts del fratello.
Esordiscono con Highland Journey cui segue, un anno dopo, Islay Journey (con etichetta verde diversa dall’attuale), e a cui nel tempo si aggiungono Campbeltown Journey e Hebridean Journey.

Blended di single malt di Islay, tra cui Caol Ila e Lagavulin, dall’invecchiamento non dichiarato tanto per età quanto per tipologia, specificando solo che le botti sono ex bourbon.
Grazie a Dario Crisci di Cuzziol per la gentile bottiglia, parte di una degustazione che abbiamo tenuto assieme presso il Valley’s Beer Pub ad Arzignano, in provincia di Vicenza.

Note di degustazione

Il profilo torbato è predominante al naso, declinato nelle note di salsa barbecue e pesce affumicato con venature di aghi di pino, cannella, noce moscata, arancia candita. Semplice e diretto, nel tempo si rafforza l’animo più dolce con caramello, crema catalana e un soffio di sale.
Al palato riflette le sensazioni olfattive, riprendendo il filo delle note più dolci con un tocco frizzantino di brezza di mare, l’arancia rossa rafforza la propria presenza accanto a mela e spezie con gli accenti carnosi e affumicati ben innestati lungo la bevuta. Accenno di liquirizia dolce e rabarbaro in lunghezza.
Finale mediamente lungo con spennellate di spezie su caramello, tamarindo, carbonella spenta, tratti salini.

Perfetta incarnazione dello spirito di Islay, più dalle parti di Caol Ila che di Ardbeg, un whisky introduttivo alle evocazioni isolane con il giusto equilibrio che non stupisce né impressiona, e d’altronde nemmeno vuole farlo. Nella sua piacevolezza, non è certo rivolto ai bevitori di lungo corso ma è perfetto per chi volesse iniziare.

Recensioni di whisky da Hunter Laing nel blog

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: