fbpx
Imbottigliatori indipendenti Morisco Spirits Scozia Speyburn Speyside Whisky dai 50 ai 100 euro

Morisco Spirits Speyburn 12yo

Recensione del primo imbottigliamento di una nuova serie, la Marble Collection

Provenienza: Speyside (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 55,2%
Botte di invecchiamento: Ex bourbon first fill
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Morisco Spirits
Prezzo: € 95,00 su Morisco Spirits
Sito web ufficiale: moriscospirits.com
Valutazione: 84/100

Torna Andrea Morisco con un nuovo imbottigliamento, presentato all’ultimo Roma Whisky Festival, che inaugura una serie, la Marble Collection, in cui le etichette sono ispirate ai pavimenti in marmo di alcune chiese medievali: in questo caso, la scelta è caduta sulla cattedrale di Salerno.
Il background artistico dell’imbottigliatore non ha mai mancato di influenzare le sue scelte estetiche, mai banali e sempre ricercate, e questo tema promette grandi meraviglie.
Ma a noi importa quello che c’è in bottiglia, giusto?
Botte singola a grado pieno di una distilleria non proprio conosciutissima, scelta quanto mai coraggiosa da parte di Morisco come apertura di una nuova collezione, e sole 90 bottiglie prodotte.
Grazie ad Andrea per il generoso campione.

Note di degustazione

Trionfo della frutta al naso, con pesca, melone verde, pera, ananas e lychees che giocano sguazzando in una piscina di succo di limone zuccherato. Galleggia un salvagente di cereali e pane alle noci, con bacche di vaniglia cui aggrapparsi e una lieve nota di miele da spalmare per proteggersi dal sole. La metafora acquatica mi è un po’ sfuggita di mano, ma nel complesso è fresco e invitante.
In bocca si fa più morbido e caldo, oleoso, declinato in crema di cioccolato bianco spalmabile (tipo Ciao Crem, per chi ha l’età per ricordarsela), vaniglia, miele, tè verde, con la frutta in secondo piano dal tocco di acidità quasi vinoso. Soffio lieve di anice e una venatura erbacea di fondo completano il quadro.
Finale abbastanza lungo dai tratti erbacei e floreali, che alterna dolcezza e tonalità amarotiche.

Un whisky schietto e diretto, mai noioso e piuttosto beverino, non esattamente un mostro di complessità ma forse proprio per questo amabile e pronto alla bevuta. Perché anche nella semplicità ci vuole cura.

Recensioni di whisky da Speyburn nel blog

Recensioni di whisky da Morisco Spirits nel blog

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: