fbpx
Glenfiddich Scozia Speyside Whisky dai 50 ai 100 euro

Glenfiddich IPA Experiment

Recensione del whisky affinato in birra IPA di Glenfiddich.

Provenienza: Speyside (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 43%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon ed ex birra
Filtrato a freddo:
Colorazione aggiuntiva:
Proprietà: William Grant & Sons
Prezzo: € 54,00 su Aquavitae
Sito web ufficiale: www.glenfiddich.com
Valutazione: 83/100

Terzo dei quattro imbottigliamenti della serie Experimental ad arrivare su queste pagine, al momento della sua uscita, nel 2016, rappresentò una vera novità nel panorama del whisky: un affinamento in botti ex birra!
Con una sorta di ritorno alle origini (ricordo che durante uno dei suoi stadi di produzione, il whisky è molto simile a una birra), il Malt Master di Glenfiddich, Brian Kinsman, decise di giocare con uno dei malti scozzesi più classici, riversando il whisky maturato in botti ex bourbon per un tempo non specificato in botti che avevano contenuto birra Indian Pale Ale, creata appositamente dal vicino birrificio Craft Brewery, per tre mesi.

Non si trattò, in verità, del primo esperimento del genere: Grant’s (parte dello stesso gruppo) aveva rilasciato un paio d’anni prima la Grant’s Ale Cask Edition, e in Germania (dove se no?) c’erano già stati degli esperimenti di affinamento di malti scozzesi nella birra intorno al 2011.
Difficile inventarsi davvero qualcosa di nuovo in un settore ultracentenario come quello del whisky, ma va dato credito a Glenfiddich di non mancare di coraggio nel giocare con un’etichetta ritenuta emblematica nel settore.
Se avete curiosità di provarlo senza prendere tutta la bottiglia, vi ricordo la possibilità di acquistare un campione su Whisky Samples, usando il codice ART15 per uno sconto del 15% sull’acquisto.

Note di degustazione

Al naso emergono spezie e frutta, con una netta preponderanza di quest’ultima dopo qualche minuto. Pesca, melone, mela e arancia navel con un soffio leggero di cannella e zenzero, accompagnati da miele, goccia di limone, burro. Lieve sentore di lievito e legno in sottofondo. Molto classico e carezzevole, di birra non c’è traccia.
Malto e spezie esordiscono al palato, che si presenta preminentemente nel profilo della frutta gialla con un incremento delle note limonose (e un accenno di ananas), frutta secca, vaniglia, foglie di tè. Buona cremosità, cui le tonalità erbacee che emergono in lunghezza, assieme a un tocco salino, donano un piacevole contrasto.
Finale non molto lungo, con tocchi sapidi su frutta secca, vaniglia, legno, limone.

Birra non pervenuta, nel bicchiere ci si trova un buon whisky, non particolarmente brillante o carismatico, ma che si fa bere volentieri. Ma se ci si deve rifare all’etichetta, per me l’esperimento è fallito.

Recensioni di whisky di Glenfiddich nel blog:
Glenfiddich 12yo
Glenfiddich 18yo
Glenfiddich 21yo Gran Reserva
Glenfiddich 21yo Winter Storm Batch 2
Glenfiddich 23yo Grand Cru
Glenfiddich 26yo Grande Couronne
Glenfiddich Fire & Cane

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: