fbpx
Blended scozzesi Old Perth Scozia Speyside Whisky da 0 a 50 euro

Old Perth The Original

Recensione del blended dello Speyside realizzato da Morrison Distillers.

Provenienza: Speyside (Scozia)
Tipologia: Blended Malt Scotch Whisky
Gradazione: 46%
Botti di invecchiamento: Ex sherry
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Morrison Distillers
Prezzo: € 38,00 su FerroWine
Sito web ufficiale: www.oldperthwhisky.co.uk 
Valutazione: 82/100

Morrison Distillers (noto in precedenza come Morrison & MacKay) ha una lunga tradizione da imbottigliatore, in particolare con la linea Càrn Mòr tratta da botti singole.
Nel 2013 ha inaugurato questa serie di blended malt (blended realizzati quindi con soli single malt), che riprende una tradizione risalente al 1908 e nata nell’omonima città, crocevia per molti blenders come Dewar’s e Bell’s.
L’etichetta nasce da un’idea del droghiere locale Peter Thomson, che esercitava il suo commercio all’inizio del 1900. Thomson creò un prodotto unico per la sua clientela, mescolando malti provenienti da distillerie dello Speyside, di Islay e delle Highlands, uniti a whisky di grano di North British. Nel corso degli anni, la sua miscela divenne un marchio di successo, portando a rinominare la sua attività Peter Thomson Company. Nel 1973, tuttavia, l’azienda stava ottenendo un successo molto maggiore con il suo marchio Beneagles, e si decise di accantonare Old Perth a tempo indeterminato.
Quando Whyte & MacKay acquisì la distilleria Invergordon nel 1993, ottenne anche il marchio Old Perth, ma il famoso blender di Glasgow non aveva alcun desiderio di farlo rivivere e così i due decenni successivi videro il nome quasi dimenticato, condannato all’oblio, come il resto della vicenda del whisky di Perth.
Ma ecco la rinascita nel 2013, quando l’imbottigliatore e blender indipendente Morrison & MacKay acquista i diritti e rilancia Old Perth come blended malt con tre espressioni principali: Original, Peaty e Sherry Cask, ognuna imbottigliata al 43% e a prezzi più che abbordabili.

È di gennaio del 2021 il rilancio della linea con un nuovo design in etichetta e sempre tre imbottigliamenti: il presente, il cask strength e, dal prossimo autunno, il 12 anni.
Tutti maturati in botti ex sherry con malti provenienti dallo Speyside, “dalla zona di Glenlivet” come recitano nel loro sito web.
Un ringraziamento speciale a Fabio Ermoli (distributore di tutte le etichette di Morrison Distillers tramite Lost Dram Selections) per il gentile e generoso campione.

Note di degustazione

Oro con riflessi ramati nel bicchiere.
L’influenza delle botti di sherry è nettissima al naso, influssi vinosi e frutti rossi (fragolina di bosco, lampone, prugne) caratterizzano un profilo pungente e speziato, con noce moscata e chiodi di garofano su arancia candita, liquirizia dolce, mela cotta. Frizzantino.
Vivace pepatura d’ingresso al palato, ribadisce il suo spirito fieramente sherried con una buona consistenza e calore, di tamarindo, prugna matura, arancia rossa, mela, liquirizia, cioccolato. Riccamente speziato, sulla lunghezza rivela una certa secchezza legnosa.
Finale mediamente lungo, secco e speziato, di agrumi, frutti rossi, radice di liquirizia.

Uno sherried quasi da manuale, che non si adagia su facili ruffianerie ma nemmeno osa percorrere nuove strade, presentando un dram solido e piacevole che non stanca ma non resta neanche impresso nella memoria. A questo prezzo, è comunque ben più di quanto ci si possa attendere.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: