fbpx
Dream Whisky Imbottigliatori indipendenti USA Whisky dai 50 ai 100 euro

Dream Whisky Maryland Rye

Recensione di un whiskey che recupera ricette antiche, invecchiato 5 anni.

Provenienza: Wisconsin (USA)
Tipologia: Rye Whiskey
Gradazione: 50,3%
Botte di invecchiamento: Vergine americana
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Dream Whisky
Prezzo indicativo: € 80,00
Sito web ufficiale: dreamwhisky.com
Valutazione: 85/100

Secondo imbottigliamento della coppia sotto l’etichetta American Oak, che celebra il whiskey americano andando a recuperare ricette precedenti al Proibizionismo così com’erano create dalla distilleria Death’s Door, che ha chiuso i battenti non molto tempo fa.
Frutto, come il precedente, della collaborazione con il leggendario Jerry Thomas Project, qui ci troviamo con una composizione al 70% di segale, 20% mais e 10% orzo maltato da botte singola in cui il distillato ha riposato cinque anni.
Lunga fermentazione, botte ad alta carbonizzazione (denominata Alligator), distillato d’origine dal grande livello di pulizia grazie all’uso della colonna Carl… inutile perderci noi in tanti dettagli quando sulla pagina Facebook di Dream Whisky trovate una miniera di informazioni e di impressioni su questa e altre bottiglie, oltre a compendi sulla produzione del whisky e della loro altra linea, Materiae.

Ringrazio Marco e Federico per i gentili campioni e per avermi ospitato, in un caldissimo pomeriggio di inizio giugno, a Milano, nella nuova casa della loro creatura, che sta ricevendo gli ultimi ritocchi e che promette di diventare un luogo imprescindibile, caldo e accogliente, per tutti gli appassionati di whisky.

Note di degustazione

Al naso è inaspettatamente fresco, presentando accanto a note gentili (ma ferme) di legno e spezie una venatura di zenzero e cetrioli (Nota: leggendo a posteriori il pezzo dei Facili, è davvero un sentore marcante!), che va a integrarsi con impressioni di fiori primaverili, gomma da cancellare profumata alla frutta, mandarino. Ma non è tutto leggerezza e dolciumi, ci sono anche porridge, chinotto, noci e un tocco di arancia candita. Soffio balsamico di sottofondo.
Al palato ritorna la freschezza declinata nella caramella balsamica al pino, che si unisce a note mentolate a venare un corpo dalle tonalità dolci non molto marcate, di liquirizia, banana verde, noce. Ricordo di tabacco in lunghezza.
Finale mediamente lungo, che alterna le impressioni balsamiche a quelle di liquirizia, noce e legno tostato.

Un whiskey particolare, che vive di sottigliezze più che di estremi, merita attenzione ma (e qui siamo più che mai nella soggettività) non restituisce particolari emozioni. Accademico, per certi versi, ma non per questo privo di interesse, anzi: spinge allo studio e alla riflessione, ma per questo perde forse in immediatezza.

Recensioni di whisky da Dream Whisky nel blog:
Dream N°1
Dream N°2
Dream N°3
Dream Whisky 1990
Dream Whisky Autunno
Dream Whisky Brewer Malt
Dream Whisky Estate
Dream Whisky Inverno
Dream Whisky Primavera

Un’altra prospettiva:
Whisky Facile

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: