fbpx
Aberlour Scozia Speyside Whisky dai 50 ai 100 euro

Aberlour 18yo

Recensione del maggiorenne di Aberlour.

Provenienza: Spesyside (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 43%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon ed ex sherry
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva:
Proprietà: Pernod Ricard (Chivas Brothers)
Prezzo: € 60.00 su Babo.wine
Sito web ufficiale: www.aberlour.com
Valutazione: 88/100

L’acqua – si sa – è un elemento decisivo nella produzione del whisky. Fino al 1890, la distilleria Aberlour dipendeva completamente da quella del torrente Lour (“chiacchierare” in gaelico, mentre Aberlour significa “la foce del torrente che chiacchiera”). Attualmente, solo l’acqua di raffreddamento arriva ancora dal torrente.
Un’altra curiosità su Aberlour riguarda le sue botti (circa ventisettemila, per la metà ex sherry butt, stipate in sei magazzini), che per molti anni hanno goduto della compagnia di Ian Mitchell, impiegato come il nonno, il padre e il fratello presso la distilleria, e della sua cornamusa, suonata abitualmente proprio all’interno dei magazzini, nella convinzione che le onde sonore influenzassero la maturazione del distillato.
Oggi verifichiamo questa teoria con il maggiorenne di Aberlour, invecchiato in botti ex bourbon ed ex sherry, proposto a 43% ABV e reperibile in bottiglie da 0.50l invece degli abituali 0.70l.

Note di degustazione

Il colore è quello della melassa.
Al naso, insieme alle note più spiccatamente sherried (amarena sotto spirito, cioccolato fondente, mirtilli rossi e noce moscata), emerge un sentore di marmellata di albicocca che ricorda in modo inequivocabile la Sachertorte. Il profilo olfattivo è arricchito da una fragranza che fa pensare ai cuneesi, da una spolverata di pepe rosa e da una sfumatura di anice. Nel tempo si distingue un lato più austero, con un’impressione di cera, un tocco di zest d’arancia e, in seguito, un po’ di tabacco.
Al palato, dopo un imbocco dolcemente speziato di pepe rosa, passeggiano a braccetto aromi di albicocca candita e di zest d’arancia, sorvegliati da una piacevole nota di legno che con il passare dei minuti cresce di intensità.
Il finale è medio lungo e ancora piuttosto speziato, con l’albicocca e l’arancia che trovano un brioso compagno di giochi nel pepe rosa.

Gli anni (e forse il suono della cornamusa) hanno donato morbidezza, profondità e spessore ai sentori tipici dei whisky di Aberlour. Il risultato è un dram appagante che sposa magistralmente equilibrio e vivacità, e che ci sembra perfetto in abbinamento a un dessert al cioccolato, magari al termine di una serata romantica.

Recensioni di whisky da Aberlour nel blog:
Aberlour 10yo
Aberlour 12yo
Aberlour 16yo Hand Filled Batch A15
Aberlour A’bunadh Batch 60
Aberlour Casg Annamh Batch 1 e 4
Dràm Mòr Aberlour 7yo

Un’altra prospettiva:
Whisky Facile

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: