fbpx
Mackmyra Svezia Whisky dai 50 ai 100 euro

Mackmyra Svensk Rök Amerikansk Ek

Recensione del primo whisky svedese affumicato di Mackmyra.

Provenienza: Svezia
Tipologia: Single Malt Swedish Whisky
Gradazione: 46,1%
Botti di invecchiamento: Vergini americane
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Mackmyra Svensk Whisky AB
Prezzo: € 54,50 su Spirit Italia
Sito web ufficiale: mackmyra.com
Valutazione: 84/100

Da quando Ikea è entrata nelle nostre case, un po’ tutti abbiamo acquisito maggiore famigliarità con lo svedese, ma ovviamente da qui a parlarlo ce ne corre.
Svensk Rök significa Fumo svedese, tanto per far capire come si stia parlando del whisky affumicato della rampante distilleria nordica, con la particolarità di usare rami di ginepro per asciugare il malto.
Ancora una volta la Mastro Distillatore utilizza quella che è una tradizione del suo Paese nella produzione del whisky, visto che il ginepro viene usato abitualmente per affumicare i prodotti alimentari al fine di preservarli, e nella composizione delle botti di invecchiamento del primo lancio se ne trovavano anche di realizzate con legno di quercia svedese.

Introdotto nel 2013, è stato il primo whisky affumicato della distilleria, e qui mi trovo con la seconda edizione, maturata esclusivamente in botti vergini di quercia americana, un NAS che si dica contenga distillati tra i cinque e i sei anni di età.

Note di degustazione

Oro pieno nel bicchiere.
La fumosità che raggiunge il naso è davvero particolare, abituati alla torba scozzese qui siamo da tutt’altra parte: l’aroma di ginepro tostato è evidente e molto gradevole, un falò dai tocchi erbacei. Il tenore dell’olfatto resta boscoso e morbido con caldarroste, aghi di pino e pane appena sfornato, una coltre spessa e confortevole da cui emergono, nel tempo, vaniglia, caramello, liquirizia, noce moscata, succo d’arancia. Perfetto per l’inverno, non toglieresti mai il naso dal bicchiere…
Il palato conferma gli aromi del falò, ma meno decisi che in fase olfattiva e scivolando su toni più cinerei, tanto da permettere l’ampliamento della paletta che, punteggiata da pepe e tocchi di anice, sviluppa toni di vaniglia, caramello, frutta (pesche, ananas), limone. Impressioni balsamiche di fondo con foglie di tè e cioccolato.
Finale abbastanza lungo e cenerino con tocchi fruttati e cioccolato.

A un naso davvero esplosivo e originale non corrisponde un palato altrettanto incisivo, che scivola piuttosto rapidamente su accordi più risaputi e banali. Forse la scelta delle sole botti vergini è stata in questo senso deleteria, appiattendo un whisky che sa comunque regalare buone sensazioni.

Recensioni di whisky da Mackmyra nel blog:
Mackmyra Grönt Te
Mackmyra Svensk Ek

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: