fbpx
Dream Whisky GlenAllachie Imbottigliatori indipendenti Scozia Speyside Whisky dai 50 ai 100 euro

Dream N°3

Recensione del Dream N°3, un GlenAllachie del giovane imbottigliatore italiano Dream Whisky.

Provenienza: Speyside (Scozia)
Tipologia: Single Cask Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 53,9%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon hogshead second fill
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Dream Whisky (GlenAllachie)
Prezzo: € 75,00 su Dream Whisky
Sito web ufficiale: dreamwhisky.com
Valutazione: 88/100

Sono passati alcuni mesi da quando Dream Whisky, una realtà italiana giovane ma ormai consolidata nata dalla mente e dal cuore di Marco Maltagliati e Federico Mazzieri, ha esordito come imbottigliatore portando all’attenzione degli appassionati i suoi primi due single cask, chiamati N°1 e N°2, di cui ho già avuto modo di parlare negli articoli che trovate linkati più sotto.
Si tratta solo della punta dell’iceberg, giacché i due prevedono di lanciare altri whisky entro il 2020 (vi rimando all’intervista a Marco per avere qualche dettaglio in più), portando avanti un progetto sfaccettato che va oltre la produzione e vendita di whisky, e che il Coronavirus ha solo momentaneamente rallentato.

Come sempre, la ricca etichetta frontale vuole evocare il whisky che si trova all’interno della bottiglia senza dichiararlo esplicitamente, presentando un tasso circondato da illustrazioni che richiamano gli aromi che si troveranno nel bicchiere.
Chi invece non volesse tirare a indovinare la provenienza del distillato, sul retro viene specificato come si tratti di un whisky proveniente da una singola botte ex bourbon di GlenAllachie, invecchiato per 11 anni.
Edizione ovviamente limitata a 550 bottiglie (da 50 cl) acquistabile direttamente sul loro sito a un prezzo più che abbordabile.

Note di degustazione

Giallo paglierino nel bicchiere, sembra quasi un vino bianco.
Ed è proprio la freschezza che si troverebbe in un vino che saluta all’olfatto, erbacea e floreale, con una punta di miele che accompagna mele cotte, datteri, arancia, cannella. Il profilo si fa via via più caldo e avvolgente, emergono il biscotto ai cereali con frutta (McVitie’s) e la vaniglia. Elegante e delicato.
Scorre con calore leggermente speziato nel palato, riunendo gli aromi di frutta e cereali in una crostata morbida e burrosa, con miele e vaniglia a completarli assieme a un’impressione di rosa. La gradazione scalda senza eccessi, sostenendo e contenendo il corpo del whisky con una dolcezza che non è mai stucchevole, unita a una carezza del legno in sottofondo.
Finale abbastanza lungo, di miele, cereali, vaniglia, legno, cannella.

Bisogna ammettere che l’etichetta evoca con precisione quelle che sono le sensazioni donate da questo whisky, che risulta carezzevole e caldo, solo apparentemente sommesso ma con una carica di gusto piena e avvolgente. Azzeccata la gradazione, più alta avrebbe coperto, più bassa l’avrebbe spento.

Recensioni di whisky da GlenAllachie nel blog:
GlenAllachie 10yo Cask Strength Batch 3
GlenAllachie 12yo
GlenAllachie 15yo
GlenAllachie 18yo
GlenAllachie 25yo
GlenAllachie 2004
GlenAllachie 2006
GlenAllachie 2009 Madeira
MacNair’s Lum Reek 12yo

Recensioni di whisky da Dream Whisky nel blog:
Dream N°1
Dream N°2
Dream Whisky 1990
Dream Whisky Autunno
Dream Whisky Brewer Malt
Dream Whisky Estate
Dream Whisky Inverno
Dream Whisky Primavera

Un’altra prospettiva:
Non solo whisky

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: