Isola di Islay Kilchoman Scozia

Kilchoman 100% Islay 9th Edition

Recensione della nona edizione (2019) del Kilchoman 100% Islay.

Provenienza: Islay (Scozia)
Tipologia: Single Malt Scotch Whisky
Gradazione: 50,0%
Botti di invecchiamento: Ex bourbon
Filtrato a freddo: No
Colorazione aggiuntiva: No
Proprietà: Kilchoman
Prezzo: € 89,00 su Cadenhead’s Whisky Shop
Sito web ufficiale: https://kilchomandistillery.com/
Valutazione: 79/100

Trattando gli altri imbottigliamenti di Kilchoman, abbiamo già parlato della loro attenzione al territorio, alla provenienza e al trattamento delle materie prime.
In particolare, la linea 100% Islay, distribuita ogni anno dal 2011, prevede l’uso di orzo proveniente esclusivamente da Islay e coltivato da un’unica fattoria nei campi che circondano la distilleria, con il processo di lavorazione successivo (maltaggio, distillazione, invecchiamento e imbottigliamento) interamente eseguito sul posto: dall’orzo alla bottiglia, usando le loro parole.
Ogni edizione differisce dalla precedente non solo nella parte più ovvia (lunghezza dell’invecchiamento) ma anche per le botti usate per far riposare il whisky.

Rispetto alla precedente, invecchiata circa per metà in botti ex sherry oloroso e per metà in botti ex bourbon, questa edizione del 2019 (nata dai raccolti del 2007 e del 2009) è frutto dell’unione di 43 botti ex bourbon.
Il motivo, lo facciamo spiegare direttamente da Anthony Wills, fondatore e mastro distillatore di Kilchoman:
“Il nostro distillato 100% Islay si abbina perfettamente con le botti ex-bourbon. I valori di torbatura più bassi (20ppm) consentono alla naturale dolcezza floreale del distillato di brillare, mentre un profilo di invecchiamento maggiore aggiunge strati di frutta tropicale molto matura e prugne cotte, con l’alto grado alcolico che ne mantiene lo spessore.”

Oro chiaro con venature ramate nel bicchiere.
Torbatura ben evidente al naso quand’anche non molto elevata, allietata dalle note dolci di albicocche mature, vaniglia, una spruzzata di limone e una netta salinità. A lasciarlo respirare, la torba cresce e si fa più carnosa, alcol ben integrato e per nulla invadente.
Il fumo inonda il palato, più cinereo che da barbecue, molto più intenso e corposo che all’olfatto, trascinando con sé prugne, limone, un tocco erbaceo, il tutto poggiato su un oceano di salinità. I sapori in verità faticano a emergere, torba e salinità sono così pungenti da mangiarsi quasi tutto, puntellate dalla gradazione alcolica. Sulla lunghezza, un pizzico di zenzero.
Finale lungo, di posacenere usato, sale e spezie.

Gli amanti della torba andranno in sollucchero, nonostante le parti per milione siano relativamente basse è bella tosta, anche troppo: la bevuta risulta poco stratificata e tendenzialmente monocorde, un vero peccato.

Gli altri imbottigliamenti nel blog:
Kilchoman Beija Flor 11yo
Kilchoman Machir Bay
Kilchoman Sanaig
Kilchoman STR Cask Matured 2019

Le recensioni degli altri:
Cigars Lover
Malt Review (inglese)
Distiller (inglese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: